L’esposizione nella terapia del Doc

L’esposizione è una delle tecniche più utilizzate nella psicoterapia cognitivo-comportamentale dei disturbi d’ansia in generale e del Disturbo Ossessivo-Compulsivo in particolare. Essa consiste nel concordare insieme al paziente una serie di situazioni nelle quali dovrà mettersi alla prova per riuscire a tollerare l’ansia. L’esposizione viene preceduta da un lavoro terapeutico che prepara il paziente dal punto di vista emotivo e cognitivo, fornendogli gli strumenti per comprendere e affrontare i sintomi ansiosi. Vengono esaminati gli schemi mentali che hanno prodotto e rinforzato l’ansia, le caratteristiche della personalità del paziente, le dinamiche emotive del presente e del passato che sono sfociate nelle emozioni ansiose oggetto della psicoterapia.

A coronamento di questo lavoro il paziente stabilisce quali possono essere le situazioni più ansiogene e quelle più tollerabili; partendo da queste ultime e salendo di intensità, le esposizioni lo pongono a contatto con l’ansia e lo aiutano a compiere una sorta di rieducazione del corpo e della mente. L’ansia è innanzitutto un’emozione fisica, i suoi sintomi vengono percepiti a livello somatico; ciò che accade nei pazienti ansiosi è l’instaurarsi di un circolo vizioso per il quale il corpo va in allarme prima ancora di essere a contatto con lo stimolo che lo spaventa. Come se avesse imparato di cosa deve aver paura, il corpo precede la mente e i pensieri trasmettendo al paziente la sensazione fisica di essere spaventato prima che la coscienza razionale possa elaborare dal punto di vista cognitivo le informazioni dell’ambiente. Per questa ragione è necessario trattare l’ansia nelle sue componenti somatiche e nei significati più intimamente legati al corpo; l’esposizione è un’ottima tecnica perché coinvolge non tanto l’elaborazione astratta dei contenuti mentali quanto piuttosto la capacità del corpo di adattarsi a esperienze temute riconoscendo l’assenza di un reale pericolo. Il corpo si abitua a non allarmarsi più e questo risultato viene reso possibile dallo “stare” con un’ansia sopportabile immagazzinando la sensazione percettiva di controllo e governabilità.

E’ importante che le esposizioni seguano una gradualità, non costringano il paziente ad affrontare prove o contesti per i quali non è ancora pronto facendo accrescere l’ansia proprio a causa del fallimento dell’esposizione. L’ansia può implicare difficoltà di autostima, senso di inadeguatezza e fragilità, la convinzione che i propri sintomi siano ingiustificabili e rappresentino il fallimento del desiderio di essere forti, sicuri, capaci. L’esposizione ha anche la finalità di mostrare al paziente come i suoi sintomi possano essere normalizzati, spiegati secondo i principi di funzionamento della mente umana, accostati a quelli di qualunque altra persona che in quanto essere umano può condividere le medesime sofferenze.

Ogni livello dell’esposizione dev’essere superato e stabilizzato prima di passare a esperienze più complesse, allo scopo di consolidare i progressi raggiunti e integrarli nel funzionamento della personalità. Se condotte in modo ben orientato le esposizioni aiutato il paziente a mettere in discussione gli automatismi che hanno causato l’ansia; generalmente si tratta di automatismi di natura somatica, il corpo ha associato ad alcuni stimoli ambientali o emotivi un valore di pericolosità che non riesce a reggere non essendo stato abituato a regolare le emozioni dall’interno. Le esposizioni hanno la funzione di facilitare i meccanismi di autoregolazione: il nostro corpo ha gli strumenti per fronteggiare l’attivazione emotiva, a patto che venga accompagnato gradualmente a superare i blocchi provocati dalle esperienze passate.

L’esposizione è fra le tecniche più usate nella terapia del Disturbo Ossessivo-Compulsivo e consiste nel porre il paziente a contatto con esperienze temute, verificando come l’ansia sia in realtà gestibile e superabile.

Chi volesse ricevere maggiori informazioni per intraprendere una psicoterapia del Disturbo Ossessivo-Compulsivo può contattare il Dott. Gianluca Frazzoni Psicologo Psicoterapeuta, chiamando il numero 340/1874411 o scrivendo all’indirizzo email info@psicoterapiaemilano.it, e fissare un primo consulto gratuito presso lo studio di Milano.

Guarda Il video del dott Frazzoni su L’esposizione nella terapia dei Disturbi Ossessivi Compulsivi

L’esposizione nella terapia dei Disturbi Ossessivi Compulsivi
5 (100%) 1 vote