Una prima classificazione

Terapia disturbi del Sonno

Terapia disturbi del Sonno

I disturbi del sonno vengono suddivisi in dissonnie e parasonnie. Appartengono alle prime l’insonnia, l’ipersonnia, la narcolessia, il disturbo del sonno correlato alla respirazione e il disturbo del ritmo circadiano del sonno. Fanno invece parte del secondo gruppo il disturbo da incubi, il terrore nel sonno (Pavor Nocturnus), il sonnambulismo, la sindrome da gambe senza riposo, il bruxismo e l’enuresi notturna.

Le dissonnie

Questi malesseri disturbano l’inizio del sonno o la sua continuazione e ne modificano la quantità, la qualità e il ritmo. L’insonnia e’ una difficoltà piuttosto diffusa e consiste nel non riuscire a dormire per un numero di ore che garantisca un’efficienza fisica e mentale durante il giorno; le conseguenze sul rendimento lavorativo del soggetto e sulla sua capacità di intrattenere relazioni sociali soddisfacenti sono significative. L’ipersonnia e’ il fenomeno opposto: l’individuo dorme per un numero di ore assai superiore alla media e anche durante il giorno sente il bisogno di effettuare dei sonni piuttosto prolungati, ricavandone una sensazione di affaticamento e irritabilità. La narcolessia si manifesta con un’elevata sonnolenza durante il giorno, indipendente dal numero di ore dormite la notte, ma a differenza dell’ipersonnia colpisce il soggetto con attacchi di sonno improvvisi al termine dei quali egli si sente riposato. Il disturbo del sonno correlato alla respirazione provoca un sonno interrotto le cui conseguenze sono eccessiva sonnolenza o insonnia, ed e’ causato da una patologia della respirazione correlata al sonno; sono frequenti i risvegli ai quali può seguire una difficoltà a riaddormentarsi, e al termine della notte il soggetto percepisce stanchezza e irritabilità. Il disturbo del ritmo circadiano del sonno implica frequenti interruzioni del sonno dovute ad uno squilibrio fra il ritmo sonno-veglia della persona e quello dell’ambiente in cui vive; si verifica ad esempio in presenza di turni lavorativi particolari che modificano radicalmente l’organizzazione della giornata.

Le parasonnie

Terapia disturbi del Sonno Milano

Terapia disturbi del Sonno Milano

Questi fenomeni condizionano la qualità del sonno e sono spesso legati all’attività onirica. Il disturbo da incubi si concentra prevalentemente nella seconda metà della notte e genera sogni terrificanti che inducono al risveglio; una volta interrotto il sonno il soggetto prova paura e ansia insieme ai loro correlati fisiologici, quali sudorazione e tachicardia, faticando molto a riaddormentarsi. Il terrore nel sonno (Pavor Nocturnus) si verifica soprattutto nel primo terzo della notte e ha un impatto emotivo più intenso rispetto all’incubo; e’ assimilabile ad una crisi d’angoscia e provoca un risveglio brusco accompagnato in molti casi da urla, pianto e reazioni fisiologiche di paura, ma l’individuo ricorda solo pochi frammenti del sogno. Il sonnambulismo si manifesta attraverso comportamenti – ad esempio camminare e mangiare – che la persona compie mentre sta ancora dormendo. Generalmente il sonnambulo torna a letto dopo alcuni minuti senza ricordare nulla di ciò che e’ accaduto, mentre se viene svegliato quando l’episodio non e’ ancora terminato può sentirsi confuso. La sindrome da gambe senza riposo e’ una sensazione di fastidio agli arti inferiori che il soggetto avverte quando va a dormire e in altre situazioni di riposo; i sintomi principali sono prurito, irrequietezza, crampi, formicolio ed un bisogno molto intenso di muovere le gambe. La qualità del sonno viene danneggiata sia perché la persona fa molta fatica ad addormentarsi sia perché durante il sonno i movimenti delle gambe possono comportare numerosi risvegli. Il bruxismo consiste nello sfregare tra loro i denti durante il sonno e può causare danni alla mandibola, mal di testa, dolore alle orecchie; inoltre danneggia i denti rendendoli più sensibili al caldo, al freddo e al contatto con lo spazzolino, a causa dell’usura. L’enuresi notturna e’ l’incapacità di controllare la fuoriuscita di urina durante il sonno e dopo i 6 anni di età rappresenta un problema da approfondire: i principali fattori da cui si origina sono di natura psicologica.

La terapia dei disturbi del sonno

Terapia disturbi del Sonno Milano

Terapia disturbi del Sonno Milano

La terapia cognitivo-comportamentale identifica in alcune manifestazioni ansiose le cause che determinano o aggravano l’insorgenza di malesseri legati al sonno. Alcuni disturbi come l’insonnia e il bruxismo possono essere ricondotti ad uno stato emotivo complesso che il soggetto non riesce a gestire; il rimuginio, il pensiero che si concentra esclusivamente sulla preoccupazione per le situazioni da affrontare nella giornata successiva o nel futuro prossimo, la riflessione malinconica su eventi del passato che non e’ ancora riuscito ad accettare, predispongono l’individuo a difficoltà persistenti soprattutto quando deve addormentarsi. Tali difficoltà, riproponendosi nel corso dei giorni, si tramutano in un circolo vizioso poiché il timore principale diventa quello di ripetere l’esperienza negativa della sera precedente. La terapia cognitivo-comportamentale agisce sia sugli stati emotivi problematici sia sulle abitudini della persona, che spesso si prepara al sonno in modo poco corretto e non si pone nelle condizioni ambientali più idonee ad un riposo soddisfacente.

 

Chi volesse ricevere maggiori informazioni per intraprendere una terapia dei disturbi del sonno può contattare il Dott. Gianluca Frazzoni Psicologo Psicoterapeuta cognitivo-comportamentale e fissare un primo consulto gratuito in uno degli studi di Milano.

 

Dott. Gianluca Frazzoni

Tel. 340/1874411

Email: info@psicoterapiaemilano.it

 

 

 

Terapia Disturbi del Sonno
4.5 (90%) 2 votes